2022
19

Concimazione dell'olivo: consigli per l'aumento dell'efficienza nutrizionale

La strategia di concimazione di Compo Expert va incontro alle esigenze della pianta, aumenta l'efficienza d'uso dei nutrienti e garantisce risultati ottimali con un'importante riduzione delle unità fertilizzanti rispetto alla concimazione tradizionale

Concimazione dell'olivo: consigli per l'aumento dell'efficienza nutrizionale - le news di Fertilgest sui fertilizzanti

Olivo, la concimazione targata Compo Expert per andare incontro alle esigenze della pianta (Foto di archivio)

Fonte immagine: © riccardo bruni - Adobe Stock

Per ottenere produzioni soddisfacenti sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo è necessario fornire all'oliveto una corretta nutrizione che possa garantire il corretto metabolismo vegetale per lo svolgimento di tutte le funzioni fisiologiche. L'olivo (Olea europaea) infatti, come tutte le altre specie arboree da frutto, possiede esigenze nutrizionali particolari e, se non correttamente soddisfatte, il risultato è quello di una scarsa o nulla produzione e di qualità dell'olio scadente.


Ci sono fondamentalmente 2 fasi in cui è molto importante agire correttamente per garantire il risultato produttivo e qualitativo dell'olivo:

  • da sviluppo mignole a fioritura: situazioni di stress durante queste fasi possono portare ad anomalie nella formazione del fiore, riduzione del numero delle infiorescenze, aborto dell'ovario e minore allegagione, anche se lo stress è di breve durata;
  • da post fioritura a maturazione: durante i periodi specifici di accrescimento e maturazione, la limitazione e la disponibilità di risorse influenzano vistosamente lo sviluppo delle componenti del frutto (Proietti et al. 1993).

 

In entrambe le fasi, Compo Expert consiglia di intervenire con prodotti che vanno incontro alle esigenze della pianta, aumentano l'efficienza d'uso dei nutrienti e garantiscono risultati ottimali con un'importante riduzione delle unità fertilizzanti rispetto alla concimazione tradizionale:

  • da sviluppo mignole a fioritura: applicazione per via fogliare di Basfoliar® Kelp SL (biostimolante naturale ad alta efficienza) insieme a Nutribor® (boro, micro e mesoelementi totalmente assimilabili);
  • da post fioritura a maturazione: in fertirrigazione è fondamentale una nutrizione ammoniacale con i fertilizzanti idrosolubili Novatec® Solub (con inibitore della nitrificazione e batteri utili del genere Pseudomonas e Bacillus). Per via fogliare invece Basfoliar® Kelp SL (biostimolante naturale ad alta efficienza) insieme a concimi fogliari della linea Basfoliar® SP (in particolare Basfoliar® Inicial SP e Basfoliar® Olivo SP).

 

Prodotti di Compo Expert

(Fonte: Compo Expert)

 

prova-olivo-maggio-fonte-compo.jpg

(Fonte: Compo Expert)

(Clicca sull'immagine per ingrandire)

 

Qualità dell'olio

azienda-qualita-olio-fonte-compo-expert.png

(Fonte: Compo Expert)


Confronto tra la strategia di nutrizione efficiente di Compo Expert e una linea tradizionale

prova-1-maggio-fonte-compo-expert.jpg

(Fonte: Compo Expert)

 

prova-2-maggio-fonte-compo-expert.jpg

(Fonte: Compo Expert)

 

Considerazioni

Anche per l'olivo aumentare l'efficienza nutrizionale si può:

  • con la biostimolazione: l'applicazione di Basfoliar® Kelp SL potenzia la risposta dell'olivo a stress abiotici (ad esempio termici e idrici), migliora lo sviluppo radicale, l'assorbimento di nutrienti ed acqua, l'accrescimento vegeto-produttivo e, pertanto, le rese in quantità e qualità; 
  • mediante apporto micro e meso nutrienti: Nutribor® è infatti studiato per correggere e prevenire carenze di microelementi in colture esigenti in boro come l'olivo. Contiene micro e mesoelementi altamente disponibili e completamente solubili in acqua. Lo zolfo (S), in sinergia con microelementi, favorisce il metabolismo azotato della pianta e migliora i parametri qualitativi dell'olio. Il magnesio (Mg) e il manganese (Mn) stimolano fortemente l'attività fotosintetica e lo stay green;
  • con la nutrizione ammoniacale: grazie alla gamma NovaTec® Solub è possibile cambiare l'equilibrio tra azoto ammoniacale e azoto nitrico nella soluzione circolante e di conseguenza il rapporto tra le due forme azotate assimilate dall'olivo. Grazie alla tecnologia Net infatti, l'azoto ammoniacale viene stabilizzato dall'inibitore della nitrificazione 3,4 DMPP (3,4 Dimetilpirazolofosfato). Con la fertirrigazione inoltre se ne apportano microdosi e questo rallenta selettivamente e temporaneamente l'attività dei batteri Nitrosomonas rallentando di conseguenza la trasformazione dell'azoto ammoniacale in azoto nitrico (nitrificazione). In questo modo viene garantita la presenza costante di azoto ammoniacale in prossimità delle radici con ripercussioni positive per l'intera pianta di olivo:
    • acidificazione della rizosfera (più fosforo e microelementi per la pianta);
    • maggior ramificazione laterale dei fusti (e stoloni);
    • internodi più corti: piante più compatte;
    • fioritura più energica
    • maggiore allegagione;
    • influenza positiva sulla divisione cellulare (calibro);
  • con l'apporto di batteri utili per l'olivo: NovaTec® Solub BS-Rhizo, oltre alla tecnologia Net precedentemente descritta, contiene batteri utili per l'olivo del genere Pseudomonas e Bacillus. Questi batteri fanno parte dei Pgpr (Plant Growth Promoting Rhizobacteria) per via della loro capacità di promuovere lo sviluppo radicale e vegetativo grazie alla loro azione di biostimolazione e alla loro capacità di smobilizzare nutrienti bloccati. Il mix unico di microrganismi ne esalta i loro benefici grazie ad un'attività sinergica.

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fertilgest nella settimana precedente

Fertilgest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2022)