2022
21

Fertilizzare in post raccolta per risultati migliori in primavera

Energemma di L. Gobbi è ricco di boro, zinco, aminoacidi e acidi umici. Va applicato in autunno per nutrire le gemme e garantire una migliore fioritura e allegagione in primavera

Fertilizzare in post raccolta per risultati migliori in primavera - le news di Fertilgest sui fertilizzanti

Il prodotto è ideale su piante da frutto come pomacee, drupacee e actinidia (Foto di archivio)

Fonte immagine: © mettsalvo - Adobe Stock

Sta arrivando l'autunno, e anche se in molti la sottovalutano, questa è la stagione migliore dell'anno per preparare le piante alla prossima raccolta. In questi mesi, infatti, è molto importante nutrire le gemme affinché accumulino riserve preziose che in primavera sfrutteranno per riprendere a vegetare e a produrre.

 

Per una oculata fertilizzazione in post raccolta, allo scopo di nutrire anticipatamente le gemme, L. Gobbi consiglia Energemma. È un formulato ricco di boro e zinco, 2 nutrienti che alla ripresa vegetativa saranno prontamente disponibili per una migliore ripartenza delle gemme e per la differenziazione degli abbozzi fiorali. Il boro, infatti, favorisce l'allegagione dei fiori e la divisione cellulare e lo zinco è necessario per la crescita dei tessuti giovani.

 

Energemma consente una pronta ripresa vegetativa oltre che una migliore fioritura e conseguente allegagione, a garanzia di una consistente riduzione della cascola. Il prodotto, inoltre, agisce sulla fecondazione e allegagione, stimola la migrazione degli zuccheri e interviene nella sintesi degli ormoni della crescita.

 

Il formulato di L. Gobbi è anche ricco di amminoacidi, in particolare l'acido glutammico e la glicina, che funzionano da veicolanti per un migliore assorbimento da parte della pianta. Infine, la presenza di acidi umici ad elevato contenuto di sostanza organica rendono il prodotto ideale anche per le applicazioni radicali.

 

Il prodotto è ideale su piante da frutto come pomacee, drupacee e actinidia. Va applicato in post raccolta, sia per via fogliare, sia per via radicale. Nel primo caso i trattamenti vanno effettuati non prima di 20 giorni dopo la raccolta e prima dell'inizio della caduta delle foglie, alla dose di 2 chilogrammi ad ettaro, seguendo poi altri 1-3 trattamenti ogni 10 giorni dalla ripresa vegetativa.

 

Sempre in post raccolta, è consigliabile effettuare un paio di trattamenti fogliari con Blattab che grazie alla sua azione aiuta la pianta ad affrontare i rischi derivanti dalle condizioni climatiche avverse degli inverni rigidi. Altrettanto utile eseguire un trattamento radicale con LG 81, per predisporre l'apparato radicale ad una più pronta e piena ripresa primaverile. In caso di improvvise gelate precoci, od ancor di più per quelle tardive primaverili, si può intervenire con CropAid Antifrost per sostenere le piante.

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fertilgest nella settimana precedente

Fertilgest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2022)